Dal segno al progetto

a cura di Daniela Pergreffi

La più grande difficoltà per chi voglia approcciare il disegno è la paura di affrontare il foglio bianco. Il senso di inibizione e la frustrazione che accompagna la
constatazione di quanto sia complicato tradurre in immagine un’idea sono il peggior nemico di un buon disegno. Proprio per superare questo impasse il percorso
didattico di Illustrazione nel Triennio viene imperniato non tanto sul soggetto del disegno, quanto sulla ricerca di un linguaggio espressivo efficace a prescindere da
ciò che viene rappresentato. A tale scopo viene proposta una serie di esercitazioni che partono dallo “scarabocchio” come forma di riconoscimento del proprio segno più spontaneo, fino alla creazione di sequenze illustrate, passando attraverso una serie di esercizi che, affiancati dalla robusta pratica manuale soprattutto della china, diano vita ad una identità grafica del tutto personale e riconoscibile.